28 luglio 2015

Alice e Andersen

La copertina del numero monografico di Andersen su Alice e l'articolo di Walter Fochesato...


Bild am Sonntag


24 luglio 2015

Mi unisco all'Unesco

Mostra organizzata da Pietro Corraini alla libreria 121, a Milano, sui 10 luoghi dell'Unesco in Lombardia interpretati da 10 illustratori. A me è toccata l'Ultima Cena di Leonardo.

Sarmede 2015, ospite d'onore

Onore di fare l'ospite d'onore, ecco il simbolo di Sarmede 2015.
Il tema è: cibo, fiabe, magia e libri.


Non censurata

Illustrazione apparsa sulla BILD am SONNTAG, Berlino, ai primi di luglio 2015
Supercensurata in altri paesi...

Ci vuole un seme è in libreria!

Ci vuole un seme è un progetto d Eloisa Guarracino, che ha contattato le scuole materne italiane nel mondo, coinvolgendo i bambini nella semina, cura, raccolta di un vegetale tipico del paese di residenza, con ricette illustrate (dai bimbi). Io ho fatto solo la copertina.

2 luglio 2015

22 giugno 2015

Firenze, pinguini che si fanno il selfie


Hank Zipzer in uscita: il chili assassino!

Uovonero sta per pubblicare il sesto episodio delle avventure di Hank Zipzer, il bambino dislessico raccontato da Fonzie. Qui Hank, leggendo con fatica dislessica la ricetta del chili con carne, sbaglia, forse, le dosi del peperoncino nel piatto destinato alla festa multietnica della scuola...



14 aprile 2015

Parigi

Studio trasferito per qualche settimana a Parigi

8 aprile 2015

Andersen la rivista

Questa la bella recensione di Anselmo Roveda

Alla fiera di Bologna 2015

A Bologna lo stand Panini zerotre
A Bologna, stand di Sarmede 
A Bologna la scelta di White Ravens



11 marzo 2015

6 marzo 2015

GiULiA, giornaliste unite libere autonome: concorso DONNE ELETTRICHE

Questo è il mio contributo al progetto di GiULiA... 
dalla 27esima ora del Corriere della Sera 2 marzo 2015
Dopo «Chiamala violenza, non amore» e «Concilia? Tra lavoro, cura e tempo per sé», il premio fotografico di Gi.U.Li.A, la rete nazionale delle giornaliste unite, libere e autonome, per la sua terza edizione sceglie di fare una sintesi (azzardata?) fra i temi del 2015 di Expo e Unesco. E lancia il concorso «Donne elettriche. Luce, nutrimento, energia» che riecheggia il concetto «Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita», ma anche la proposta dell’Unesco di proclamare il 2015 anno internazionale della Luce e delle tecnologie basate sulla Luce. Così lo Sguardo di Giulia invita i partecipanti a interpretare in differenti chiavi – documentaria, simbolica, appassionata, ironica – i vari modi in cui le forze della natura e dell’ingegno si esprimono attraverso le donne, riflettendo sulla loro storia e sul loro futuro, che è il futuro di tutte/i. Dice Marina Cosi, vice presidente di Gi.U.Li.A:
«Una proposta aperta che consente ai concorrenti, fotografi professionisti o amatoriali, di concentrare l’attenzione sul ciclo della vita, non si dice forse “venire alla luce?”, sulle responsabilità nel produrre buoni alimenti per il corpo e per la mente, sulla necessaria liberazione delle energie femminili» 
La nuova edizione parte in contemporanea con l’inaugurazione della mostra itinerante «Concilia? Tra lavoro, cura e tempo per sé», oggi alle ore 18, nella Sala del Grechetto, al piano terreno della Biblioteca Sormani (via Francesco Sforza 7, Milano). Interverranno Francesca Zajczyk, delegata alle Pari Opportunità del Comune di Milano; Diana De Marchi, segretaria regionale Pd Diritti e Legalità; Rita Innocenti, assessora alla Cultura e Pari Opportunità del Comune di Sesto San Giovanni; Marina Cosi, giornalista.
Stampate su pannelli e illustrate in video e in catalogo, le fotografie premiate, presentate in novembre in conferenza stampa a Palazzo Marino, resteranno esposte alla Sormani fino al 7 marzo.
C’è un percorso di crescente consapevolezza nelle scelte dello Sguardo di Giulia, che dalla denuncia della violenza sulle donne scambiata per amore, racconto inevitabilmente drammatico e doloroso, è passata al tema della conciliazione, ovvero delle asimmetrie e degli ingiusti squilibri che ancora connotano la vita familiare e quotidiana di donne e uomini, giungendo infine alla celebrazione (che non vorrebbe mai essere priva di chiaroscuri) della forza, della creatività e dello splendore delle donne.
Curato dalle giornaliste del Coordinamento lombardo dell’associazione Giulia, il premio oltre alle fotografie accetta anche serie fotografiche, minivideo, racconti animati, illustrazioni. I partecipanti dovranno inviare le prove, sotto forma di file in alta definizione, all’indirizzosguardodigiulia@gmail.com, allegando la documentazione (liberatorie, consenso dei genitori per i minorenni, dati anagrafici, recapiti, breve spiegazione) entro e non oltre la mezzanotte di sabato 12 settembre 2015. La Giuria, che coincide col Coordinamento di GiuliaLombardia supportato dalla consulenza di critiche/ci e storiche/ci dell’immagine, selezionerà a proprio insindacabile giudizio le immagini vincitrici di ogni sezione (professionisti, amatoriali, under18, video) e consegnerà premi, targhe ed attestati nel corso della successiva cerimonia che si terrà a Milano.
Giovanna Pezzuoli
Per ulteriori informazioni: giulia.lombardia@gmail.com

26 febbraio 2015

Sàrmede 2015

Anteprima!
Fiabe italiane: fiabe di fame, vita contadina e magie semplici.
Questa sarà la quarta di copertina del libro che verrà. La vedrete allo stand di Sàrmede alla Fiera del Libro di Bologna 2015.
©GiuliaOrecchia
©GiuliaOrecchia

24 febbraio 2015

Ma che belli questi Ghiribizzi!

FACCE DI GHIRIBIZZI !
Oggi nel libro degli Ospiti di Bruno Tognolini:


Data: 23/02/2015, 8:45 pm, GMT +1
Nome: Lorenza e Daniela
Numero: 1.532
Siamo due insegnanti della scuola dell'infanzia San Lorenzo di Sasso Marconi: Lorenza e Daniela. Abbiamo letto ai bambini "Il Ghiribizzo" e, dopo aver giocato in palestra ai bambini con e senza Ghiribizzo e aver adottato i 5 minuti di giungla, abbiamo fatto disegnare a tutti il proprio Ghiribizzo che si è trasformato in maschera di carnevale. Volevamo inviarle la foto di gruppo dei ghiribizzi di Macchia Azzurra perché il martedì grasso ci siamo molto divertiti a fare "ghiribizzate" per tutta la mattina e volevamo ringraziarla così.

La risposta di Bruno:

Grazie! Sarei molto contento di vedere le facce che i vostri bambini hanno immaginato al mio e ai loro Ghiribizzi. Davvero, mi pare proprio un bel lavoro, una bellissima tripla capriola di auto narrazione e auto rappresentazione:

1) dare all’immagine interiore caotica del proprio Ghiribizzo la forma visibile di una faccia;
2) fissare questa faccia in forma non solo visibile ma anche agibile: una maschera;
3) porre questa faccia-maschera Ghiribizza sulla propria faccia vera Bambina, in una bellissima danza di vero/falso, sopra/sotto, mio/alieno, etc.

Va’ mo là! Brave maestre!
Voi rallegrate il dorato autunno di questo Gnomo Poeta Ramingo, con le vecchie e famigerate “Soddisfazioni”. Orgoglioso e soddisfatto: di questo libro mio e di Giulia, che a quanto pare funziona e serve; delle maestre in generale, che sono la mia tribù; delle maestre dell’Emilia, che è la mia Seconda Matria.
Ma voi la conoscete la filastrocca delle Maestre Ghiribizze, sì?
Aspetto la foto: me la spedite in allegato a questo indirizzo mail?
Ciao Lorenza, ciao Daniela.

Ecco la filastrocca delle Maestre Ghiribizze:
http://www.webalice.it/tognolini/var-rim.html#ghiri

Cena con illustratori all'exColorificio